giovedì 13 aprile 2017

I 4 Codici - Gli Eredi

Eccomi tornata a voi con la presentazione di un libro fantasy 

"I 4 Codici - Gli Eredi"
di Giada Baldassarri


Autore: Giada Baldassarri

Casa Editrice: In Edit Edizioni
Pagine:352
Anno: Aprile 2016
Collana: Prima Vera
ISBN: 978-88-96768-42-6
Sinossi:

All’alba di una vacanza in famiglia, i cinque fratelli Blake vengono catapultati per errore ad Aztlan, una misteriosa isola lacerata dall’eterna battaglia tra gli adepti di Lilith, la dea della morte e della distruzione, e gli Eredi, i leggendari padroni degli elementi.
In questa terra estranea al mondo, i giovani si ritrovano ad affrontare realtà sconcertanti. Dopo la morte degli ultimi Eredi, avvenuta ormai da tremila anni, sono loro i nuovi signori degli elementi, gli unici che possono ancora liberare Aztlan dalla feroce tirannia di Orix Shadizaar, la figlia prediletta di Lilith, e dalla brama dei Signori della Guerra, suoi alleati.
Costretti ad accettare il loro destino per salvare l’amato nonno, prigioniero delle forze oscure, Kevin, Daniel, Sara, Erin e Ryan decidono quindi di combattere e di affrontare una guerra lunga e logorante tra invidie, dissapori e violenze, forti solamente del profondo legame che li unisce e dell’immensa e spaventosa potenza che gli elementi hanno concesso loro.

I Cattivi


Book Trailer



Breve biografia dell'autrice e presentazione del libro:
parla Giada Baldassarri


Giada Baldassarri, nata a Faenza in provincia di Ravenna, il 13/09/1993. Ho frequentato le scuole elementari e medie a Riolo Terme per via del lavoro di mia madre, poi mi sono iscritta al Liceo Scientifico “E. Torricelli” di Faenza dove mi sono diplomata nel 2012 con un voto di 92/100. Mi sono laureata in Psicologia a Cesena nel luglio del 2015 con un voto di 109/110 e attualmente frequento il primo anno del corso di laurea magistrale in Psicologia Clinica. 
Ho vinto all’età di tredici anni un concorso con un tema relativo alla Costituzione e da allora mi sono appassionata, inizialmente per gioco, alla scrittura.
Amante da sempre dei romanzi fantasy e dei manga giapponesi per il particolare sentimentalismo attribuito alla tragicità, sono sempre stata un’accanita lettrice.
“I Quattro Codici. Gli Eredi” è il mio primo vero romanzo. Ho iniziato a scriverlo a quindici anni, ma l’ho revisionato più volte, quando mi sono accorta che per poter completare la mia storia occorreva scriverne un seguito – ormai concluso anch’esso –.
Fuori dal mondo della scrittura, sono appassionata di sport e di arte. Faccio karate da sette anni e pallavolo da dieci e sono stata – e sono tutt’ora – allenatrice in entrambi gli ambiti.
Ho imparato a disegnare principalmente per dare un volto ai miei personaggi, ma poi mi sono appassionata ed ora disegno vari soggetti sia a matita che a penna.
Ci tengo a precisare che il motivo per cui scrivo è la passione; amo raccontare storie, immaginarie o reali, che hanno la capacità di penetrare nell’anima di chi le ascolta.
Ciò che scrivo ha un suo perché, narra di sentimenti veri e profondi, trasportati in un mondo arcaico e ideale, fuori dal tempo e dallo spazio. Un mondo fatto di miti e leggende, in cui lealtà e coraggio sono ancora l’ideale dell’uomo e le passioni più distruttive sono intimamente collegate ai sentimenti più dolci.
Quando il bene e il male si confondono in un caleidoscopio di luci, ecco che nasce il fantasy. Il manicheismo classico sembra presente, ma pian piano viene superato per lasciare il posto ad una nuova visione, più adulta e più matura di una realtà che è impregnata di sfumature di grigio.
Le facce della stessa medaglia che si fondono mostrano quanto possa essere conflittuale l’animo dell’essere umano sempre conteso tra la sete di potere, l’avidità e l’egoismo e i nobili sentimenti dell’altruismo e dell’amore per la propria terra e per la propria famiglia.

“I Quattro Codici. Gli Eredi” narra delle avventure dei fratelli Blake, costretti ad accettare un destino più grande di loro nella mitica terra di Aztlan. Padroni dei cinque elementi e guerrieri attesi da millenni, i fratelli sono in realtà esseri umani, paurosi e temerari, incarnazione dell’ossimoro più misterioso della natura dell’uomo.

Il libo è in vendita presso alcuni Store on-line.
Per approfondimenti e per contattare l'autrice:

2 commenti:

  1. Mi hai proprio incuriosito cara Raffaela.
    Ti auguro una serena Santa Pasqua.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. Ciao Arwen Elfa,
    ti auguro di trascorrere una Serena Pasqua insieme ai tuoi cari.
    Nel mio blog c'è una sorpresa per te ;)

    RispondiElimina